Controllo automatico e formale – calcolo delle rate

Dal 2008 è possibile rateizzare le somme dovute in seguito al controllo automatizzato e al controllo formale delle dichiarazioni (art. 3-bis d.lgs n° 462/97 – pdf). Le rate sono trimestrali e di pari importo. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo.

L´Agenzia delle Entrate, per agevolare i contribuenti nel calcolare gli importi delle rate e dei relativi interessi, ha predisposto un´apposita applicazione che consente anche la stampa dei modelli F24.

Decorrenza delle nuove disposizioni

La possibilità di rateizzare le somme dovute a seguito dei controlli automatici e formali è concessa a decorrere dalle comunicazioni relative al periodo d’imposta:

  • 2004, con riferimento agli esiti della liquidazione dell’Irpef dovuta sulle indennità di fine rapporto e sulle prestazioni pensionistiche erogate in forma di capitale (T.F.R., fondi pensione, ecc.);
  • 2005, con riferimento agli esiti della liquidazione dell’Irpef dovuta sugli altri redditi soggetti a tassazione separata (ad es. arretrati di lavoro dipendente);
  • 2005, con riferimento agli esiti del controllo formale delle dichiarazioni;
  • 2006, con riferimento agli esiti del controllo automatizzato delle dichiarazioni.

Numero massimo di rate consentito

Il numero massimo di rate consentito varia in relazione all´importo da versare:

  • Fino a 5.000,00 euro possono essere versate un numero massimo di 6 rate trimestrali;
  • tra 5.000,01 e 50.000,00 euro possono essere versate un numero massimo di 20 rate trimestrali;
  • oltre 50.000,00 euro possono essere versate un numero massimo di 20 rate trimestrali, previa prestazione delle garanzie previste dalla legge, che devono essere prodotte all´ufficio entro dieci giorni dal versamento della prima rata.

Attenzione: se la somma da versare è inferiore a 500 euro con riferimento alle comunicazioni relative alla tassazione separata (T.F.R., arretrati, ecc.) ovvero 2.000 euro con riferimento alle comunicazioni relative al controllo automatizzato o al controllo formale delle dichiarazioni, è possibile rateizzare l´importo dovuto (numero massimo di sei rate trimestrali) a condizione che l´ufficio dell´Agenzia riconosca la temporanea situazione di obiettiva difficoltà del contribuente. A tal fine, l´interessato deve presentare apposita richiesta all´ufficio entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione e, in caso di accoglimento della stessa, effettuare il versamento della prima rata entro i medesimi trenta giorni.
Sull´importo delle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo. Gli interessi decorrono dal primo giorno del secondo mese successivo a quello in cui è stata elaborata la comunicazione (data riportata sulla prima pagina della stessa) e vanno calcolati fino al giorno di scadenza della rata.

Termini di versamento delle rate

Per beneficiare della rateazione è necessario effettuare il versamento della prima rata entro trenta giorni dalla data in cui si riceve la comunicazione. Le rate successive devono essere versate entro l´ultimo giorno di ciascun trimestre successivo a quello di scadenza della prima rata. Esempio: un contribuente riceve la comunicazione del controllo formale il 5 maggio 2008. La prima rata deve essere versata entro il 4 giugno 2008; la seconda rata entro il 30 settembre 2008 (ultimo giorno del terzo mese successivo al 4 giugno 2008); le rate successive vanno versate entro il 31 dicembre 2008, 31 marzo 2009 e così via.

Compilazione dei modelli F24

Per il versamento delle rate deve essere utilizzato il modello di pagamento F24, indicando separatamente gli importi della rata e degli interessi dovuti per la rateazione, utilizzando i rispettivi codici tributo secondo il prospetto di seguito riportato:

Tipologia di atto Codice tributo relativo alla rata Codice tributo relativo agli interessi di rateazione
art. 36 bis 9001 9002
art. 36 ter 9006 9007
art. 36 bis – T.F.R. 9526 9003
art. 36 bis – Arretrati 9527 9004

Decadenza dal beneficio della rateazione

Il mancato pagamento delle somme dovute alla scadenza prevista comporta la decadenza dalla rateazione e l´importo dovuto per imposte, interessi e sanzioni in misura piena, dedotto quanto già versato, viene iscritto a ruolo. In tal caso, non è ammessa la dilazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...